Miti ed eroi classici nell'Etruria Maritima

Riferimento: 65

24,40 €
Tasse incluse
«Non han sì aspri sterpi né sì folti / quelle fiere selvagge che in odio hanno / tra Cecina e Corneto i luoghi colti». Così Dante individuava i confini della Maremma fra la cittadina livornese e l'odierna Tarquinia. Aldo Mazzolai coltiva con la sua sorprendente scrittura la memoria di questo territorio: «Ha accompagnato questo lavoro una pure taciuta polemica nei confronti ...
Quantità
In Stock

  Modalità di pagamento

Puoi acquistare in sicurezza con Bonifico Bancario o PayPal / Carta di credito

«Non han sì aspri sterpi né sì folti / quelle fiere selvagge che in odio hanno / tra Cecina e Corneto i luoghi colti». Così Dante individuava i confini della Maremma fra la cittadina livornese e l'odierna Tarquinia. Aldo Mazzolai coltiva con la sua sorprendente scrittura la memoria di questo territorio: «Ha accompagnato questo lavoro una pure taciuta polemica nei confronti di coloro che per troppi secoli hanno identificato questa nostra Maritima come simbolo della malaria, del deserto e del banditismo, nascondendo alla propria presunta cultura il fatto che essa, invece, aveva avuto nel proprio territorio ben cinque capitali etrusche. Mi commuove ricordare che, contro questa prepotente e dispregiativa opinione, anch'io ho lottato»(dalla prefazione dell'Autore).
 
Il libro dello studioso grossetano offre un breve ma significativo excursus dei miti del mondo ellenico attestati nella terra di Maremma al tempo degli etruschi. Dalle isole a Populonia, da Vetulonia a Roselle, da Castiglione della Pescaia a Talamone, Saturnia, Sovana e altre capitali dell’antica Etruria, il quadro che emerge è quello di un nostalgico ricordo di un popolo che, come ricorda lo stesso autore, "nel millennio destinatogli, accettò dal mondo ellenico non soltanto la ricchezza derivata dai commerci, ma anche non pochi aspetti culturali, che finirono per essere predominanti".  Manuela Cini

 

 

INDICE:
Il mito - Gli ulissidi - Elpenore - Il saluto ai morti - Palinuro - "Simulacro insensibile di esausto mortale" - La morte a Cuma - Phlebas il fenicio - Cimitero marino - Isole - Giannutri - Giglio - Montecristo - Pianosa - Elba - Il mito del ferro - L'isola sacra - Capraia - Gorgòna - Corsica - Populonia - Diòniso - Apollo - Aiace - Venere - Laran - Osiride - L'Ombra della Sera - Vetulonia - Il mito del potere - I simboli del potere - Il fascio - L'ascia - La corona - ...e troni d'avorio alti intarsiò... - Il carro - L'anello - Il simbolo di Vetulonia - Rusellae - Castiglione della Pescaia - Talamone - Il mito di Edipo - Giasone e Medea - Gli aiuti delle città etrusche ad Enea - La terra di Kalousion - Marsiliana d'Albegna - Argentario - Porto Ercole - Cosa - Vulci - Ellenizzazione dell'Etruria - Sarcofagi e urne - Gli specchi - Saturnia - Il colore del trionfo - Sovana - Tuscania - Tarquinia - Tagete - Le tombe dipinte di Tarquinia - Tomba dei Tori - Tomba Cardarelli (Vincenzo) - Tomba degli Auguri, Tomba dei Giocolieri - Tomba delle Leonesse - Tomba della Caccia e della Pesca - Tomba delle Olimpiadi - Tomba dei Vasi Dipinti - Tomba del Barone - Tomba delle Bighe - Tomba del Cacciatore - Tomba del Triclinio - Tomba dei Leopardi - Tomba del Letto funebre - Tomba dell'Orco - Tomba del Tifone - Eredità degli Etruschi

Scheda tecnica

Pagine
256 pp.
Autore
Aldo Mazzolai
Formato
15 x 21 cm
Anno
2002

8 altri prodotti della stessa categoria: